Pasqua
Oggi non è solo un'isola
Detta Rapa Nui
Anche se resta un'isola.

Giovedì Santo
Come santificare un giorno?
Cosa c'è più laico di un giorno
Di ventiquattro ore

Un insetto gira intorno a un lampione. Ogni tanto lo si sente picchiettare, quasi non riesca a vedere la luce. La finestra spalancata ci aiuta a capire, e respiriamo intensamente l’odore dei tigli: di sera, più dolciastro e inebriante. L’estate è arrivata così, senza bussare. Era il caldo che avevamo addosso a dircelo, forse anche le lucciole del giardino: un girovagare attento e imprevedibile; ora qui, più tardi là.

Che giorno è oggi?
Un giorno diverso
Dagli altri?
Già stanotte
Ho visto ragazzi
Con la mimosa
In mano
E anche due uomini,
Rientravano a casa
Con questo regalo

Il quotidiano online di BolzanoAlto Adigedel 25 aprile 2018, alle pagine 20 e 21, ricorda la storia vissuta durante la seconda guerra mondiale da Bruno Zito e Antonio Brigo, pensionati delle Ferrovie dello Stato che, prima come dipendenti FS, poi come pensionati, sono da tempo immemorabile iscritti al Dopolavoro Ferroviario di Bolzano ed anche nel DLF sono stati parte del gruppo dirigente a livello provinciale ed hanno profuso molte energie nelle varie attività della nostra associazione.

Rise una bambina aprendo gli occhi una mattina. Un passerotto severo la stette a guardare, pensando tra sé qual sogno la bimba avesse lasciato. Un ragnetto appeso alla trave sul letto guardando giù disse no al calarsi improvviso su quelle piccole labbra di rosa aperte. Era uno scherzo indegno e di certo mamma ragno lo avrebbe sculacciato se lo avesse tentato.

La riconversione e il potenziamento della Ferrovia Sacile-Gemona: anche il Friuli Venezia Giulia, unica regione nel Triveneto, usufruisce di una nuova legge e rinasce così la ferrovia Gemona-Sacile, comunemente chiamata la Pedemontana.

La piazza illuminata era tutta per loro: non c’era nessuno. Correvano da una parte all’altra, mano nella mano: felici, consapevoli del loro momento. Avevano deciso di lasciare la festa senza neanche parlare, solo con lo sguardo; perché si piacevano, tanto, riconoscendo per la prima volta istinti e sentimenti.

Nella vita, ormai, siamo abituati a indirizzare la nostra attenzione solo al contingente. Così, quando giunge una festività, la celebriamo in maniera consueta, magari col regalo di rito o gli auguri appuntati sul telefonino. I social, poi, agevolano la cosa: ci ricordano tutto, quasi fossimo degli “smemorelli”, ma forse è così.

Ricordi dell’immediato dopoguerra (conflitto mondiale 1940-1945) - Dopo il tragico periodo che ha ucciso padri, figli, fratelli e mariti, poche sono state le famiglie fortunate che hanno potuto riabbracciare i propri cari e ricomporre il proprio nucleo. Furono tempi duri per tutti.

“La vigliaccheria chiede: è sicuro? L’opportunità chiede: è conveniente? La vanagloria chiede: è popolare? Ma la coscienza chiede: è giusto? Prima o poi arriva l’ora in cui bisogna prendere una posizione che non è sicura, né conveniente, né popolare, ma bisogna prenderla, perché è giusta”. (Da “Costume e società”, di Martin Luther King)

Altri articoli...