Notte delle luci 2017

Turismo
Grandezza Carattere

Scorrano, comune salentino a 35 km da Lecce, dal 5 al 9 luglio 2017 si anima in occasione della Notte delle luci, la festa in onore di Santa Domenica, patrona del paese. Secondo la leggenda, la Santa, attorno al 1600, apparve in sogno a un’anziana donna, annunciandole che sarebbe divenuta patrona del paese e che, come manifestazione della sua protezione, avrebbe liberato il paese dalla terribile epidemia di peste che lo affliggeva.

Per far conoscere questo miracolo al resto degli abitanti, gli ammalati, una volta guariti, avrebbero dovuto accendere delle lampade ad olio sulle finestre. In poco tempo, grazie all’intervento della Santa, la peste fu debellata e tutta Oria brillò per le luci sulle finestre. Proprio in ricordo di questo evento è nata l’usanza degli Scorranesi di accendere delle luci come segno di riconoscenza verso la loro patrona. Con il tempo la festa di Santa Domenica ha guadagnato sempre più popolarità, tanto da diventare uno degli eventi clou dell’estate pugliese.

Ogni anno decine di migliaia di visitatori affollano le vie di Scorrano per la Notte delle Luci e ammirare le grandi architetture di luci che i maestri dell’arte delle parature realizzano in occasione della ricorrenza. Le imponenti strutture ricoperte da migliaia di lampadine colorate ricreano con dei giochi di luce alcuni tra i monumenti più famosi al mondo, come il Colosseo, il Tower Bridge o la Torre Eiffel. Uno spettacolo unico che ha fatto guadagnare a Scorrano l’appellativo di Capitale Mondiale delle Luminarie.

Da non perdere il momento dell’accensione delle luminarie reso ancor più suggestivo dal connubio tra luci, musica e fuochi d’artificio.

Il programma è il seguente: partenza da Taranto ore 16:00 Viale Unicef; partenza da Lizzano ore 16:30 piazzale della Chiesa S. Nicola. Rientro in sede alle ore 23:30 circa.

Costo individuale dell’escursione: € 15,00

INFORMAZIONI

Associazione DLF Taranto

Via Togliatti 10, 74020 Lizzano (TA)
Mob. 328 9441034
Tel. 099 9556713
e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.