ATTENTI A QUEI DUE 1

Hobby Scrittura
Grandezza Carattere

di Giuliano Bagnoli (Prima parte) - La storia di amicizia di Sirio e Giuliano ha dello strano fin dal suo inizio. Pisano il primo, livornese il secondo: Signori il cacciucco è servito. Una storia che continua nella STORIA attuale dell’Unità d’Italia, nel 150° appunto, ma che fra di loro nacque nella Settimana della Cultura DLF a Reggio Calabria nel 2004.

A150° Unità d'Italialtra strana, ma vera coincidenza: 150 è anche la somma delle loro età! I due “personaggi” non faticano per trovarsi insieme, anche al di fuori di ciò che organizza l’Associazione Nazionale DLF. Infatti, questa volta il loro girovagare li porta nelle strade della Trinacria, vestiti con la camicia rossa, alla garibaldina, appunto.

Galeotta fu la locandina dell’Agenzia “Argonauta Viaggi di Firenze” che, annunciando l’intenzione di effettuare un particolare viaggio a gruppi in Sicilia, ribadiva si sarebbero dovute ripercorrere le tappe salienti che furono di Garibaldi, raggiungere il numero di Mille partecipanti e simulare così, a distanza di tanto tempo, “Lo sbarco dei valorosi Mille”.

J. W. Goethe nel suo Viaggio in Italia ebbe a dire: “L’Italia senza la Sicilia non lascia immagine nello spirito: soltanto qui è la chiave di tutto". Infatti viaggiando in Sicilia, oltre alla bellezza paesaggistica e artistica, c’è un mondo di storia contemporanea che può e che vuole essere raccontata in maniera educata e civile, ripercorrendo la cultura, la bellezza, la gastronomia, la storia antica e contemporanea. Un viaggio insomma per conoscere, raccontare e sognare un paese diverso.

Con queste premesse la UNICOOP di Firenze organizza il viaggio, curando sapientemente i minimi particolari, fino a far funzionare tutto egregiamente, ed inserendo questa gita di mille partecipanti nelle manifestazioni nazionali del 150° dell’Unità d’Italia.

Il motore di questa “impresa” è stata un’idea: il filo conduttore che, partendo da Garibaldi fino ad arrivare a Falcone e Borsellino, come 150 anni fa ci fa raggiungere ancora in Mille la Sicilia per partecipare all’unico Risorgimento ancora possibile, quello di chi resiste, di chi scommette sul cambiamento e che tramanda valori morali come risorsa.

Nel programma erano inseriti due spettacoli importanti, particolari ed in sintonia con la filosofia di questo viaggio: una rappresentazione teatrale dei PUPI, allestita da Angelo Sicilia, famoso “Puparo”, e un secondo spettacolo dal titolo “La Sicilia, Padri e Padrini”, una lettura, con sottofondo musicale, di testi di autori come Peppino Impastato, Danilo Dolci, Leonardo Sciascia, Ignazio Buttitta, ecc.

I festosi ma attenti gitanti sono passati sulle orme dei garibaldini, ma anche sulle impronte ancora fresche della recente e triste storia sicula. Sono stati visitati la Casa della Memoria di Felicia e Peppino Impastato, sono state toccate le pietre ancora macchiate di Portella della Ginestra, sono stati visitati luoghi dove “si vive e si lavora” sui terreni confiscati alla mafia ed in ristoranti associati al Movimento “Addio pizzo”.

Infine il culmine del progetto, il gesto simbolico per compiere il quale tutto è partito: l’invito fatto a tutti i partecipanti a lasciare la propria firma sul REGISTRO CIVICO custodito nell'Istituto Statale Liceo Scientifico "Ernesto Basile" di Palermo, per l’Unità d’Italia, per la legalità e quale piena adesione ai principi della Carta Costituzionale, nonché ad inviare una lettera appello al Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano.

Il viaggio si è svolto dal 21 febbraio al 27 marzo 2011, con partenze ogni due giorni (aereo + pullman), percorrendo l’itinerario: Bologna, Palermo, Cinisi, Portella della Ginestra, Marsala, Agrigento, Caltagirone, Modica, Scicli, Ragusa, Noto, Siracusa, Giardini Naxos, Acireale, Taormina, Catania, Bologna e quindi PISA e LIVORNO dove i due, con il conosciuto e schietto "toscanaccio” in bocca, rispolverando col sorriso gli sfottò tradizionali, sollecitano i sentimenti e la simpatia degli altri. E sono pronti a ripartire per un’altra tappa.

Un’altra tappa di vita e di sincera amicizia che: “Intendere e goderne non può chi non la prova”.

L’Unità d’Italia

di Sirio Bardelli - DLF Pisa

  • 1905 - 2005 le Ferrovie dello Stato Italiano compiono 100 anni
  • 1861 - 2011 l’Unità della nostra Patria festeggia 150 anni

Dal segnale ottico al tasto telegrafico, per giungere al mouse del computer! Da Garibaldi a Falcone e Borsellino fino ad oggi, l’evoluzione del tempo e della tecnica viaggiano sui binari dell’incommensurabile forza e mente dell’uomo, per offrire giustificazione alla nostra terra, di seguire ogni evento degno di menzione storica. Così, giorno dopo giorno, la nostra Italia, avvalendosi del progresso mnemonico e tecnico, sempre si glorifica nel conquistar primari posti nello scibile del mondo intero.

Le rotaie, incontestabile guida principale, per eccellere nella guida dell’evoluzione, perseverano nella continuazione del loro vivere, non dimenticando gli albori dell’uso del carbone per giungere, oggi, alla conquista della tecnica, nella mira d’un domani più avanzato.

Rimembrar ordunque il primo “rodiggio”, nel paragone di un “baio” da cavalcare, conclamano evoluzione completa di questi lustri, risvegliando nella memoria, quel sentimento che prospetta orgoglio d’essere italiani.

Memorabili date, in ricorrenza, non passano inosservate nella mente di noi che, d’ormai canute chiome, ci sentiamo artefici di quanto la modernità ne gode esperienza. Fedeli di sì tanta vita trascorsa sulla “ghiaia”, sostegno delle parallele d’argento, ci siamo sentiti onorati ed orgogliosi di partecipare a quell’evento “garibaldino” che quel “Condottiero”, di libertà, guidò in sicula terra.

L’organizzazione UNICOOP di Firenze pertanto, rendendosi partecipe di tale importante ricorrenza, ha organizzato viaggi in quella terra, ripercorrendo siti e luoghi che furono all’origine d’epiche lotte per un’ITALIA UNITA!

Un viaggio colmo d’emozioni che, tornando con la memoria al travaglio di noi italiani, ci ha reso compartecipi di tali imprese avvalorando, nel sentimento, tali sensazioni che: “intendere non può chi non le prova!"

Del tutto rimarrà indelebile traccia, grazie a coloro che hanno saputo trasfondere sulla carta di queste emozioni ed anche con la completa collaborazione d’altri che, con esperti obbiettivi fotografici, han saputo cesellare i migliori luoghi della Sicilia ed i più bei momenti del convivere dei partecipanti.

Galleria di immagini

Aeroporto di Palermo
Aeroporto di Palermo
Palermo, Cappella Palatina di Palazzo dei Normanni
Palermo, Cappella Palatina di Palazzo dei Normanni
Marsala, Carretto siciliano con Sirio a cassetta
Marsala, Carretto siciliano con Sirio a cassetta
Marsala, Via Garibaldi e l'omonima Porta
Marsala, Via Garibaldi e l'omonima Porta
Scicli, Casa Memoria di Felicia e Peppino Impastato
Scicli, Casa Memoria di Felicia e Peppino Impastato
Scicli, Casa Memoria di Felicia e Peppino Impastato
Scicli, Casa Memoria di Felicia e Peppino Impastato
Scicli, Palazzo Mormina
Scicli, Palazzo Mormina
Agrigento, Valle dei Templi
Agrigento, Valle dei Templi
Agrigento, Valle dei Templi
Agrigento, Valle dei Templi
Agrigento, Valle dei Templi
Agrigento, Valle dei Templi
Agrigento, Valle dei Templi
Agrigento, Valle dei Templi
Agrigento, Valle dei Templi
Agrigento, Valle dei Templi
Agrigento, Valle dei Templi
Agrigento, Valle dei Templi
Agrigento sullo sfondo
Agrigento sullo sfondo
Agriturismo "Libera Terra" di Portella della Ginestra
Agriturismo
Portella della Ginestra
Portella della Ginestra
Portella della Ginestra
Portella della Ginestra
Portella della Ginestra
Portella della Ginestra
Sirio antiborbonico al Museo Civico di Caltagirone
Sirio antiborbonico al Museo Civico di Caltagirone
Caltagirone, Sirio e due rappresentanti comunali
Caltagirone, Sirio e due rappresentanti comunali
Marco Posarelli (Unicoop Firenze) e il Registro Civico
Marco Posarelli (Unicoop Firenze) e il Registro Civico
Sirio appone la PRIMA FIRMA sul Registro Civico
Sirio appone la PRIMA FIRMA sul Registro Civico
Firme della rappresentante emiliana
Firme della rappresentante emiliana
Giochi d'acqua
Giochi d'acqua
Etna
Etna
Dal teatro di Taormina
Dal teatro di Taormina
Dal teatro di Taormina
Dal teatro di Taormina
Fico d'India
Fico d'India

Giuliano Bagnoli è Socio DLF appartenente al Gruppo Fotografico DLF Livorno, di cui è stato in passato Presidente.

Sirio Bardelli vive a Pisa, è Ferroviere in pensione, nutre molteplici interessi, è un affezionato partecipante della Settimana della Cultura ed ha… 87 anni!

Giuliano e SirioINFORMAZIONI

Associazione DLF Livorno

Viale Ippolito Nievo 32, 57121 Livorno
Tel. 0586 402069 fax 0586 410618
e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Internet www.dlflivorno.it