“VOCI DI PACE”

Cultura e Spettacolo
Grandezza Carattere

Genova, Domenica 13 gennaio 2019 - "Lo Scoglio dell'Albatros" è un innovativo progetto culturale per la Valpolcevera che riunisce più di 40 appuntamenti incentrati su diverse tematiche, ideato dalle associazioni Dopolavoro Ferroviario di Genova e Artesulcammino. L'obiettivo è riqualificare la "periferia" - più che mai ora, dopo il crollo del ponte Morandi - grazie alla cultura, con eventi adatti a tutte le età.

“Lo Scoglio dell’Albatros”, progetto culturale promosso dalle associazioni Dopolavoro Ferroviario di Genova e Artesulcammino, presenta: “VOCI DI PACE”, concerto corale interreligioso per le vittime del ponte Morandi. Direttore artistico: Eyal Lerner. Domenica 13 gennaio 2019, ore 11, Cinema Teatro Albatros (Via Roggerone 8, Genova Rivarolo).

Il progetto culturale “Lo Scoglio dell’Albatros” - kermesse promossa dalle associazioni Dopolavoro Ferroviario di Genova e Artesulcammino - ricorda la tragedia del ponte Morandi a cinque mesi dal disastro con uno speciale concerto.

“Voci di pace” sarà diretto dal celebre musicista Eyal Lerner, famoso in Italia e all’estero. A esibirsi sul palco, il Coro Shlomot Musica Ebraica, il Circolo Mandolinistico Risveglio, e i musicisti arabi Ghazi Makhoul e Tarek Awad Alla.

Ingresso libero.

Eyal Lerner, artista eclettico, è nato e si è formato in Israele, e porta la sua musica klezmer e classica sui palchi di tutto il mondo. Come flautista ha vinto numerosi premi in Israele, tra cui nel 1988, all’età di 16 anni, il prestigioso Concorso François Shapira. Si è perfezionato in Master Class con i Maestri A. Rooley, M. Minkovski, J. Feldman, M. Verbruggen e M. Barker. Ha insegnato flauto dolce e musica da camera presso i principali conservatori d’Israele e in corsi di musica antica; ha collaborato in qualità di solista con importanti orchestre quali: La Filarmonica d’Israele e con membri dei Berliner Philarmoniker e della London Simphony Orchestra. Nell’ambito della musica da camera ha svolto un’intensa attività concertistica, partecipando a festival in Israele, Inghilterra, Spagna Francia e Italia.

Cos’è “Lo Scoglio dell’Albatros”

Dall’estate 2018 il Dopolavoro Ferroviario di Genova ha trasferito la sua sede nei locali di via Roggerone 8, a Rivarolo, in prossimità del Cinema Albatros, acquisendo spazi adatti a una nuova programmazione di eventi e proposte culturali, ricreative e sportive da offrire al territorio della media e alta Valpolcevera, i cui problemi socio ambientali sono stati amplificati dal recente crollo del ponte Morandi.

L’obiettivo del progetto “Lo Scoglio dell’Albatros” è offrire a tutte le associazioni e realtà già operanti sul territorio un contenitore ove proporre le proprie attività, nella convinzione che grazie al dialogo e alla conoscenza reciproca sarà possibile riqualificare la “periferia”.

Nonostante gli evidenti problemi della periferia valpolceverasca, esistono anche infiniti fermenti di crescita e di integrità sociale. A questi ultimi il Dopolavoro e Artesulcammino vogliono dare forza, affinché si possano sviluppare ulteriormente. Un vero e proprio “scoglio”, dunque, un approdo e un punto di partenza per la Valpolcevera.

La rassegna prevede una serie di iniziative - incontri con esperti, laboratori, proiezioni, corsi, presentazioni di libri e molto altro - incentrate su diverse tematiche di interesse: dall’ambiente (con un occhio di riguardo nei confronti della Valpolcevera) alla storia, dall’arte ai viaggi, dalle buone pratiche alla cucina, passando per la salute e altri argomenti di stringente attualità, adatti a un pubblico di tutte le età.

I protagonisti di questi momenti di scambio culturale - previsti tra l’autunno 2018 e l’autunno 2019 - saranno gli stessi cittadini che potranno mettersi alla prova con laboratori, corsi e attività interattive. L’obiettivo è stimolare l’interesse e favorire la massima partecipazione grazie a una serie di iniziative con esperti conosciuti a livello nazionale e internazionale (dal musicista Eyal Lerner al fumettista Zerocalcare, passando per gli artisti del Conservatorio di Milano e il “cucinosofo” Sergio Rossi, insieme a molti altri) e che andranno a toccare diversi temi, per una kermesse originale, del tutto innovativa per la vallata.

Gli eventi sono raggruppati in diverse aree tematiche che strizzano sempre l’occhio al territorio genovese, con le sue tradizioni e specificità: tra queste aree, spiccano “Come era verde la mia valle - Valpolcevera e dintorni”, “Terra, acqua, aria, fuoco - Scienza, ambiente, natura e territorio”, “Dai ricordi alla storia - Conservare la memoria”, “8 arti e anche di più”, “Cambiare il mondo si può - Esempi di buone pratiche individuali e collettive”, “Il mondo in cucina”, “Scaffali aperti”, “Stare bene fa bene”, “Lo sguardo oltre l’orizzonte”.

 

INFORMAZIONI

  • Rosaria Augello, presidente Dopolavoro Ferroviario Genova: 335 6979396
  • Flavia Cellerino, Artesulcammino: 349 1954095

web www.superbadlf.it

Associazione DLF Genova

Via Roggerone 8, 16159 Genova (GE)
Tel. 010 7408331 Tel. e fax 010 7451627
e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
web www.superbadlf.it
Facebook Dopolavoro Ferroviario Genova