“Mistero Buffo” di Dario Fo con Ugo Dighero

Cultura e Spettacolo
Grandezza Carattere

Pisa, domenica 13 gennaio 2019, ore 21.00 - Al Teatro Nuovo, in Piazza della Stazione a Pisa, si terrà domenica 13 gennaio lo spettacolo di Ugo Dighero sul “Mistero Buffo” di Dario Fo, che ce ne propone una personale interpretazione.

“Il primo miracolo di Gesù bambino” e “La parpaja topola” sono due popolarissimi racconti creati dalla vulcanica fantasia del nostro premio Nobel per la letteratura Dario Fo. Appartengono a quel meraviglioso contenitore denominato “Mistero buffo” la cui ricorrente caratteristica più evidente è la scelta del linguaggio.

Dario Fo, riprendendo la tradizione dei comici dell’arte, costretti dalla “Controriforma” a inventare un simil-francese, un quasi-spagnolo, un semi tedesco, per recitare nei paesi europei durante loro fuga dall’Italia, propone il suo gramelot personale, mescolando dialetti nordici, parole arcaiche e suoni onomatopeici. Il linguaggio così inventato possiede una capacità comunicativa impressionate che riesce a toccare direttamente l’anima degli spettatori utilizzando l’ironia e l’iperbole come strumenti preferiti.

“Il primo miracolo di Gesù bambino” è tratto da uno dei vangeli apocrifi e ci descrive un Sacra Famiglia di un’umanità inconsueta e toccante.

“La parpaja topola”, tratta da un fablieux medioevale francese, propone, come accade nel film Forrest Gump, una efficacissima metafora sull’idiota.

Giavanpetro, giovane capraio, riuscirà, con la sua semplicità, la sua tenerezza e la mente priva di malizie, a conquistare la ragazza più bella del paese nonostante le trappole che il mondo cinico pone sul suo cammino.
Dighero ce ne propone una sua personale versione dando vita ad una vertiginosa galoppata teatrale in cui il moderno giullare deve riuscire ad interpretare tutti i personaggi delle vicende, visualizzare le ambientazioni e far percepire allo spettatore gli odori e le sonorità dei luoghi del racconto.

Una splendida scommessa per un attore!

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI

e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Cell. 392 3233535

Ugo Dighero

Attore e comico si forma alla scuola di recitazione del Teatro Stabile di Genova. Fonda con Maurizio Crozza il gruppo comico dei Broncoviz, con cui debutta in televisione su Rai 3 nella trasmissione Avanzi, Tunnel e Hollywood Party, trasmissione parodistica sul cinema.
La notorietà al grande pubblico aumenta quando entra nel cast della trasmissione televisiva Mai dire Gol, condotta dalla Gialappa's Band, e contemporaneamente in quello di Un medico in famiglia, fiction su Rai 1. Con la Gialappa's partecipa a Mai dire Maik, nel film Tutti gli uomini del deficiente e Mai dire Gol, in coppia con l'amico Maurizio Crozza.
Partecipa a numerose fiction tra cui protagonista in R.I.S. - Delitti imperfetti.
Ha partecipato a numerosi spettacoli con la Banda Osiris, Neri Marcorè e attualmente in tournèe al fianco Gaia De Laurentis nella commedia “Alle cinque da me”, di Pierre Chesnot.

Programma del seminario: Coro Neutro

Il Coro Neutro è un formidabile strumento di apprendimento per chiunque voglia stare sul palcoscenico col massimo della consapevolezza possibile.
E' organizzato come un semplice gioco con regole ben precise.
Ognuno dei partecipanti si calerà volta per volta nei panni dell' “eroe” e nei panni del "coro".
Ciascuno potrà quindi sperimentare il ruolo del protagonista della scena, ma sempre in rapporto con gli altri.
Per far funzionare il meccanismo potrà quindi scegliere liberamente il suo agire, ma, contemporaneamente, dovrà essere molto preciso nel comunicare con gli altri, in modo da indirizzare il coro in maniera chiara ed inequivocabile.
Sarà poi il coro a stabilire la caduta dell'eroe.
Una volta che l'eroe sarà detronizzato verrà assorbito dal coro stesso, in attesa dell'arrivo di un nuovo "eroe".
Il comportamento di ogni singolo partecipante all'interno del coro potrà essere efficace solo mettendo la mente e il corpo in una condizione di ascolto assoluto degli altri.
Questo tipo di ascolto non coinvolge solo l'udito e la vista, ma si spinge ben oltre e allena l’attore ad avere il controllo totale della situazione quando si agisce in palcoscenico.
Il Coro Neutro è una pratica che ci consente di sviluppare una specie di sesto senso, col fine di avere una percezione della scena a 360 gradi.

Grammelot

Lo straordinario linguaggio inventato dai comici dell'arte nel 1500, fornisce all'attore uno strumento potente per dare libero sfogo alla creatività e alla fantasia.
Dopo alcuni brevi cenni storici e la visione di alcuni video che ci chiariranno le molteplici possibilità del grammelot, ci addentreremo nelle sue potenzialità espressive.
Ci lasceremo alle spalle le strettoie del linguaggio comune e, scardinata la noia delle strutture grammaticali, ognuno avrà la possibilità di sperimentare un linguaggio autoinventato per raccontare storie, suscitare emozioni, comunicare col mondo intero.
Non avvalendosi più degli stereotipi del linguaggio sarà fondamentale la scelta espressiva corporea e sonora e potremo mettere in pratica la precisione a cui ci ha obbligati l'esercizio del "Coro neutro".
Con lo strumento dell'improvvisazione, verranno proposte alcune situazioni dove, da soli o in gruppo, bisognerà lavorare di fantasia creando azioni drammatiche ed eventuali rapporti con gli altri personaggi presenti in scena.
Non essendoci un testo scritto, l'attenzione sarà rivolta alla credibilità delle scelte espressive ed all'ascolto degli altri.
Per chi volesse provare a cimentarsi in un frammento dei classici del grammelot, metto a disposizione il testo "La resurrezione di Lazzaro" di Dario Fo.
Nella fase finale dell'incontro potremo provare a montarne un piccolo frammento.

 

INFORMAZIONI

Associazione DLF Pisa - Centro Culturale Polivalente Multietnico MONDOSTAZIONE

Piazza Stazione 16, 56125 Pisa
Tel. 050 27101 fax 050 44116
e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
web www.dlfpisa.it

  • Il Consigliere DLF alla Cultura DLF Pisa Vittorio Citernesi: e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.