“La guerra di prima”

Cultura e Spettacolo
Grandezza Carattere

Due attori-soldato al fronte della Grande Guerra. Campobasso, sabato 20 febbraio 2016 - Nel centenario della Prima Guerra Mondiale gli attori Vincenzo Mercurio e Nino Racco, vogliono ricordare i diciassette milioni di soldati morti nei campi di battaglia, la maggior parte semianalfabeti, vittime di una strategia e di una pianificazione cinica e guerrafondaia, ignavi persino dei motivi e degli “altissimi fini” della grande carneficina!

Non una celebrazione ma una interrogazione al destino, al fato, all’ingiustizia politica ed economica che ha falciato e cancellato milioni di giovani vite.

La guerra di prima è anche una paradossale e divertita ipotesi scenica: due attori-soldato, il campano Fregoli Ciro e il calabrese Scicchitano Antonio, sono chiamati al fronte non per combattere ma per mettere in scena “uno spettacolino” al fine di allietare e confortare le truppe nelle pause del combattimento. Ci riusciranno? Si salveranno dalla trincea? E quale rapporto culturale ed etico si affermerà tra i due attori che cercheranno di non finire in prima linea mentre i compagni muoiono al fronte?

Lo spettacolo è infine un NO rinnovato alla guerra. Alla infelice boutade futurista che sponsorizzò la guerra come “sola igiene del mondo”, gli attori-soldato oppongono il rabbioso canto popolare: maledetti sian quei giovani studenti che la guerra han studiato e voluto!

“La guerra di prima” due attori-soldato al fronte della Grande Guerra, di e con Nino Racco e Vincenzo Mercurio. Collaborazione Antonella Iemma. Produzione Teatro Proskenion/2015.

INFORMAZIONI

Associazione DLF Campobasso

Via G. Garibaldi 1, 86100 Campobasso
Cell. 366 4848186
Tel. 0874 414064 Fax 0874 414064
Tel. FS 985/835/316
e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Facebook: Dopolavoro Ferroviario Campobasso

Vincenzo Mercurio cell. 346 21 72 302
e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
web proskenion.teatro.eu