MIC - Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza

Convenzioni Territoriali
Grandezza Carattere

Il Museo Internazionale delle Ceramiche di Faenza è, nel suo genere, la più grande raccolta al mondo. Nelle sue sale è documentata la cultura della ceramica nei cinque continenti attraverso i secoli. Accanto alla grande produzione italiana ed europea del Rinascimento importanti sezioni dedicate all’America precolombiana, alla Grecia classica, all’età romana, al Vicino e Medio Oriente e alla ceramica islamica sono classificate come RACCOLTE.

L’arte contemporanea, italiana e internazionale, è rappresentata dai maggiori artisti del Novecento. Lo spazio espositivo del Museo è attualmente di circa 6.000 metri quadrati, con oltre 3.500 opere consultabili lungo gli itinerari espositivi.
Il Museo ospita numerose mostre temporanee ed ha anche altre importanti sezioni come la biblioteca specializzata con più di 50.000 volumi d’arte e ceramica, il laboratorio Giocare con l’Arte per la didattica con il metodo di Bruno Munari e la sezione Restauro che ha grande esperienza per la manutenzione delle opere museali e svolge anche attività commerciali di restauro.
Il bookshop oltre che di tutte le pubblicazioni del Museo è fornito di un’ampia raccolta di libri dedicata alla Ceramica e di una buona selezione di opere ceramiche prodotte da artigiani faentini. Il Museo pubblica dal 1913 la rivista “Faenza”.

Il Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza è stato fondato nel settembre del 1908 alla conclusione della grande Esposizione Internazionale dedicata ad Evangelista Torricelli che ospitò i prodotti di molte manifatture italiane ed europee. La donazione delle opere ceramiche da parte degli espositori costituì il nucleo originario del Museo che progressivamente si arricchì di altri esemplari. Chi svolse maggior opera per la sua costituzione fu Gaetano Ballardini, direttore del Museo fino al 1953. La crescita dell’istituto subì un brusco arresto nel maggio 1944, quando un bombardamento ne causò la quasi completa distruzione con gravi e insanibili perdite nelle collezioni e nel materiale archivistico. “Post fata Resurgo” fu il motto per la ricostruzione; con forte determinazione, l’aiuto dei collaboratori e della comunità faentina, grazie al sostegno di una fitta rete di contatti nazionali ed internazionali, lo stesso Ballardini riorganizzò le raccolte e diede nuovo impulso alla vita del museo.
Le finalità originarie espresse nello statuto - acquisire, conservare e soprattutto promuovere la produzione ceramica - sono rimaste attuali fino ad oggi.

Museo Internazionale delle Ceramiche di Faenza

ORARIO

INVERNALE: 1 novembre - 31 marzo

  • dal martedì al venerdì 10.00 - 16
  • sabato, domenica e festivi 10.00 - 17.30

ESTIVO: 1 aprile - 31 ottobre

  • dal martedì alla domenica e festivi 10.00 - 19.00

Il museo è chiuso: tutti i lunedì non festivi, 1 gennaio, 1 maggio, 15 agosto, 25 dicembre.
La biglietteria chiude mezz'ora prima dell’orario di chiusura indicato.

BIGLIETTO

Il costo dei biglietti d'ingresso, in occasione delle grandi mostre (Miguel Barcelò, 1 giugno - 6 ottobre 2019, e Picasso, 1 novembre 2019 - 12 aprile 2020), sarà il seguente:

  • Intero: € 14,00
  • Ridotto DLF: € 10,00

Di seguito i costi dei biglietti nel periodo 8 - 31 ottobre 2019.

  • Ingresso: € 10,00
  • Ridotto DLF: € 7,00

Gratuito: Abbonati MIC Card, Bambini fino a 14 anni, Studenti faentini fino ai 18 anni, Diversamente abili con accompagnatore, altre convenzioni...

 

Museo Internazionale delle Ceramiche di FaenzaINFORMAZIONI

MIC - Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza

Viale Baccarini 19, 48018 Faenza (RA)
Tel. centralino 0546 697311
Tel. bookshop 0546 697308 fax 0546 27141
e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
web www.micfaenza.org

Associazione DLF Bologna

Via Sebastiano Serlio 25/2, 40128 Bologna
Segreteria: lun-ven ore 9.00-12.30 / 15.00-18.00
Tel. 051 4193180 - fax 051 4193245
e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
web www.dlfbo.it