MART Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto

Convenzioni Nazionali
Grandezza Carattere

Il Mart, Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto, è nato nel 1987 come ente funzionale della Provincia Autonoma di Trento e oggi riunisce in sé tre sedi espositive: la sede principale del Museo a Rovereto, inaugurata nel 2002 su progetto di Mario Botta e Giulio Andreolli, la Casa d’Arte Futurista Depero riaperta al pubblico nel gennaio 2009, sempre a Rovereto, e la Galleria Civica a Trento entrata a far parte del Mart a ottobre 2013.  Direttore del Mart è Gianfranco Maraniello.

EVENTI 2018

Mart Rovereto

Sede di Rovereto

Corso Bettini, 43 - 38068 Rovereto (TN)
Tel. +39 0464 438887
Numero verde 800 397760

Il grande complesso architettonico di Rovereto, inaugurato il 15 dicembre 2002, è stato progettato dall’architetto ticinese Mario Botta, in collaborazione con l’ingegnere roveretano Giulio Andreolli.

Il nucleo principale del Mart sorge dietro il nobile palazzo dell’Annona, oggi sede della biblioteca civica, e palazzo Alberti. Lo spazio che separa i due palazzi è stato trasformato in un largo corridoio d’accesso ad una piazza circolare, coperta da una cupola di vetro e acciaio, dalla quale il visitatore accede al Museo.

La struttura del museo si articola su quattro piani. All’ingresso si trovano la reception, l’area informativa, il bookshop, la caffetteria, la sala conferenze ed il guardaroba. Dal piano terra il visitatore può accedere al piano interrato, dove sono collocati l’Archivio del ‘900 e la Biblioteca.

Al primo piano si trovano le aree dedicate all’attività espositiva temporanea, la sezione didattica, gli uffici. Al secondo piano, una passerella di vetro e acciaio conduce ad un’area di circa 3.800 mq che ospita a rotazione una selezione delle opere della collezione permanente, sempre con nuovi allestimenti, e la grande mostra annuale solitamente nel periodo dicembre-maggio dedicata a temi originali e innovativi.

All'esterno si trova un’esposizione permanente di sculture facenti parte delle collezioni del Mart che comprende una selezione di opere che si misurano con lo spazio urbano circostante. Il visitatore - attraverso una scalinata - potrà accedere al “Parco delle Sculture” direttamente dalla piazza del Mart.

Casa Depero RoveretoCasa d’Arte Futurista Depero

Via Portici, 38 - 38068 Rovereto (TN)
Tel. +39 0464 431813

Dopo un lungo periodo di chiusura, Casa Depero riapre al pubblico, ampliata grazie ad un intervento di restauro firmato dall’architetto Renato Rizzi che ne valorizza pienamente il carattere monografico, per svolgere nuovamente la sua funzione espositiva e didattica.

Grazie all’acquisizione dell’adiacente Casa Caden, che ha permesso l’ingresso da Via Portici attraverso una corte interna, il museo può oggi avvalersi di un importante ampliamento con nuovi servizi come il guardaroba, il bookshop e una caffetteria. Lo spazio occupato dall’esposizione permanente è di 300 mq, una superficie non grande ma che consente, grazie alla nuova organizzazione dei collegamenti verticali e al recupero di aree in origine destinate a piccoli depositi, la creazione di un display cronologico e tematico di grande interesse.

Il visitatore ritrova nelle sale lo spirito delle intuizioni originali di Fortunato Depero, che voleva non solo esporre il proprio lavoro - arazzi, tele, giocattoli, grafica - ma anche offrire alla città un luogo dinamico di incontro e formazione. E si possono anche vedere materializzati alcuni degli scorci delle architetture fantastiche così spesso sognate e disegnate da Depero stesso in tante opere.

Galleria Civica di TrentoSede di Trento, Galleria Civica

Via Belenzani 44, 38122 Trento
Tel. +39 0461 985511

La Galleria Civica di Trento riprende la propria attività nella storica sede di Via Belenzani 46, a pochi passi dal cuore cittadino di piazza Duomo. Sede distaccata del Museo, avamposto nel capoluogo trentino, la Civica è stata ridisegnata su progetto architettonico realizzato in pochi mesi dal giovane Stefano Grigoletto/Studio Atelier Zero, vincitore del Bando pubblico destinato ai giovani architetti trentini voluto dal Mart, in collaborazione con l’Ordine degli Architetti della Provincia di Trento.
La gestione della Galleria è stata affidata al Mart, Museo di arte contemporanea di Trento e Rovereto che in questo modo conferma ancora una volta il legame con un territorio vivace e dinamico nel quale si sta concretizzando un sistema museale integrato e all’avanguardia.

Il nuovo progetto della Galleria Civica di Trento nasce per suggellare la collaborazione aperta con chi vive la città: residenti, turisti, persone che abitano gli spazi in modo transitorio o improvvisato - e che tuttavia già offrono e ricevono molto in termini di cultura e formazione - e con i gruppi oggi esclusi da relazioni sociali di qualità.
Un progetto consapevole di quanto sia necessario gestire il cambiamento, che punta non solo sulle forze del Mart, ma su risorse e partnership consolidate del capoluogo trentino. Un laboratorio permanente formato da giovani talenti, da professionisti internazionali e da una comunità attiva, curiosa, attenta sia al patrimonio, sia agli investimenti.

L’attività della Galleria verrà sviluppata su base stagionale e su temi specifici precedentemente individuati che spazieranno dalle istanze più contemporanee a progetti relativi all’800 o al 900, indagando i linguaggi dell’arte e dell’architettura. Inoltre la Civica diventerà sede dell’ADAC, l’Archivio degli artisti contemporanei trentini, il cui lavoro di ricerca sul territorio è propedeutico alla formazione, alla produzione, alla circuitazione degli artisti trentini, nonché di interesse per ricercatori, curatori, galleristi e operatori culturali.

LogoMart_oriz

Il concorso per il restyling architettonico

Per preparare al meglio gli spazi in previsione della riapertura della Galleria Civica, il Mart ha invitato l’Ordine degli Architetti di Trento a indire un concorso per la progettazione del riallestimento complessivo della Galleria destinato ai professionisti under 35. Il bando si è rivelato una preziosa occasione per i giovani architetti, chiamati a confrontarsi con un progetto che coinvolge le eccellenze museali internazionali.
Tra i 32 progetti presentati, è stato scelto quello dell’architetto Stefano Grigoletto, Studio Atelier Zero (Rovereto, 1985). La commissione, composta dall'allora Direttore del Mart Cristiana Collu, dal Presidente dell’Ordine degli Architetti di Trento Alberto Winterle, dal Professore e architetto Nicola Di Battista, dagli architetti Giovanni Marzari e Giovanni Maria Filindeu, ha premiato il progetto per la qualità architettonica complessiva. In particolare, è stata riconosciuta l’originalità di un’idea che ripensa radicalmente i locali della Galleria mantenendo un felice equilibrio tra l’esigenza di avere uno spazio versatile e quella di creare un ambiente con una significativa riconoscibilità.

La prima mostra:L’avanguardia intermedia. Ca’ Pesaro, Moggioli e la contemporaneità a Venezia 1913-2013”. Trento, Galleria Civica, dal 19 ottobre 2013 al 26 gennaio 2014.


EVENTI 2018

EVENTI 2017

EVENTI 2016

EVENTI 2015

EVENTI 2014


    Fortunato Depero, Depero Futurista - Dinamo Azari (libro imbullonato), 1927

    Collezione permanente - L'allestimento attuale

    Il Mart di Rovereto espone a rotazione, nelle sue sale, una selezione di opere dalle proprie raccolte.

    Dal 12 febbraio 2011 il Mart propone al pubblico “LOOK”, un nuovo allestimento articolato in tre diversi percorsi:

    Collezione permanente - Il patrimonio

    Il patrimonio del Mart ammonta a oltre 15.000 opere. Dal 1987, anno d'istituzione del Mart, le collezioni del museo - provenienti dalla Provincia Autonoma, dal Comune di Trento, dal Comune di Rovereto - si sono accresciute grazie ad attente acquisizioni, importanti lasciti e depositi.

    Alcune delle oltre 3000 opere di Fortunato Depero, donate dall'artista alla città di Rovereto e oggi affidate al museo, costituiscono una delle parti di maggior rilievo nel patrimonio della sede principale del Mart, insieme alle opere di altri esponenti futuristi come Giacomo Balla, Gino Severini, Enrico Prampolini, Thayaht, Roberto Iras Baldessari, Tommaso Filippo Marinetti e Tullio Crali, la cui presenza è divenuta ancora più consistente nel museo, grazie alla donazione - alla morte di Depero - di un nucleo di circa 50 lavori.

    Fausto Melotti, Sonno di Wotan, 1958Il '900 italiano, è rappresentato con opere di particolare pregio come quelle della collezione Giovanardi, giunta in deposito al Museo nel 1997, che annovera capolavori di Massimo Campigli, Osvaldo Licini, Mario Sironi, Carlo Carrà, Filippo de Pisis e un nucleo eccezionale di ventuno dipinti di Giorgio Morandi. Nelle raccolte d'arte oltre alla testimonianza di alcuni protagonisti degli anni tra le due guerre come Gino Severini, Giorgio de Chirico, Alberto Savinio, Felice Casorati, Arturo Tosi, Mario Tozzi e Achille Funi, e della "Scuola romana" con Mario Mafai, si conservano alcuni dipinti dell'area astratta e informale, da Fausto Melotti, a Lucio Fontana, a Alberto Burri, che con l' astrattismo lirico di Osvaldo Licini danno conto di alcune tra le più significative esperienze artistiche del secondo dopoguerra.

    Il progetto museografico del Mart di Rovereto è organizzato su due livelli espositivi: uno dedicato alle opere "chiave" degli artisti più significativi della collezione - che periodicamente si alterna con le grandi mostre - l'altro inteso come momento di riflessione e di approfondimento di particolari aree collezionistiche del museo, con specifica attenzione all'architettura, alla scenografia, al design.

    Di grande interesse, infine, il capitolo dedicato alla ricerca contemporanea, punto focale del progetto culturale connesso all'apertura della nuova sede. La ricerca nel campo della contemporaneità rientra infatti tra i fini istituzionali del Mart e proietta il museo di Trento e Rovereto in un contesto internazionale.

    Al Mart è esposta la più importante collezione italiana sulla Pop Art e la Minimal Art. Attraverso il deposito di Ileana Sonnabend, sono presenti al museo opere di Jasper Johns, Robert Rauschenberg, Andy Warhol, Roy Lichtenstein e Tom Wesselman.

    La collezione Panza di Biumo ha una parte di rilievo grazie ai lavori, poco conosciuti al vasto pubblico, di artisti americani che hanno sviluppato la loro attività intorno agli anni ottanta e novanta: Peter Shelton, Roni Horn, Lawrence Carroll, David Simpson, Max Cole.

    Negli anni più recenti grazie ad un coerente progetto di sviluppo delle collezioni sono stati acquisiti significativi lavori di artisti interpreti della ricerca più avanzata degli anni Settanta e Ottanta, come ad esempio Alighiero Boetti, Mario Merz, Giulio Paolini, Salvatore Scarpitta e Jannis Kounellis.

    L'ambito internazionale è rappresentato da artisti di fama quali Marina Abramovic, Bruce Naumann, Arnulf Rainer, Hermann Nitsch, Anselm Kiefer, Richard Long, Andreas Gursky, Candida Hofer, Eva Marisaldi, Ryan Mendoza, Il'ya Kabakov, Tony Cragg, Chen Zhen, Bill Viola, Dana Schutz, Kara Walker.

    L’Archivio del ‘900

    L’Archivio del ‘900 raccoglie preziosi fondi storici acquisiti nell’ultimo decennio. Rappresenta in un certo senso l’identità culturale del museo e ne definisce i percorsi della ricerca. L’attuale fisionomia dell’Archivio è caratterizzata da specifici ambiti d’interesse, quali il Futurismo e l’architettura razionalista, spesso intrecciati alla storia e alla cultura del territorio e connessi all’intero patrimonio.

    La biblioteca

    Negli ultimi cinque anni la biblioteca del Mart, specializzata nella storia dell’arte del XX secolo, si è notevolmente arricchita, grazie ad acquisti e donazioni, passando da circa 17.000 volumi agli attuali 60.000. Importante la raccolta d’editoria futurista, che comprende oltre ai periodici, ai cataloghi delle esposizioni dell’epoca, saggi e manifesti teorici, importanti “libri-oggetto” nei quali gli artisti hanno sperimentato svariate possibilità in ambito tipografico (libro imbullonato di Depero). Una sezione importante è dedicata alla poesia visiva.

    La didattica

    Ogni anno oltre 30.000 persone - bambini, studenti, insegnanti e adulti - prendono parte alle attività didattiche proposte dal Mart. Accanto ai laboratori per le scuole, per il pubblico e per le famiglie, la sezione didattica del Museo svolge corsi di aggiornamento per insegnanti, mostre didattiche, visite guidate alle mostre temporanee, al museo e all’architettura delle sedi museali ed infine incontri a tema ed eventi speciali.

    INFORMAZIONI
    Sezione didattica tel. 0464 454154 - 454108 (dal lunedì al venerdì) e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    internet www.mart.tn.it

    LogoMart_vert

    Al Mart senza barriere

    Il Mart, insieme alle sezioni di Trento dell’Unione Italiana Ciechi e dell’Ente Nazionale per la protezione e l’assistenza dei Sordomuti, presenta il progetto “Museo senza barriere”. Con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto.

    Dare ai non vedenti e ai non udenti la possibilità di sperimentare l’arte, grazie alla forza dell’Associazionismo, del linguaggio dei segni e delle novità tecnologiche che permettono di “vedere” le opere d’arte attraverso il tatto.

    E’ la proposta del Mart che, con il progetto “Museo senza barriere” a cura di Denise Bernabè e Silvia Ferrari, offre, a partire da maggio 2006, dei percorsi di visita guidata alla propria Collezione Permanente per persone non vedenti e non udenti.

    L’obiettivo a lungo termine del progetto, unico nel suo genere all’interno del sistema museale trentino, è quello di poter rendere fruibile tutto il patrimonio culturale del Museo ai diversamente abili, nel tentativo di avvicinare al mondo dell’arte anche persone che da sempre lo percepiscono come distante.

    Il pubblico dei non udenti potrà avvicinarsi all’arte del XX secolo e approfondirne la conoscenza grazie a percorsi guidati condotti da una guida del museo e da un’interprete della Lingua Italiana dei Segni. Per informazioni, gli interessati potranno rivolgersi alla sezione locale dell’Ente Nazionale per la protezione e l’assistenza dei Sordomuti. Le visite si svolgeranno su prenotazione, entro dieci giorni dalla data prescelta, per gruppi di minimo otto e massimo quindici persone, alla tariffa didattica di € 2,00 a persona.

    Per i non vedenti sono stati invece pensati dei percorsi tattili. Ai partecipanti verranno fornite delle riproduzioni in rilievo di una selezione di opere in mostra, illustrate da materiale cartaceo stampato in Braille e dalla voce di una guida. Le riproduzioni tridimensionali sono state rese possibili grazie all’utilizzo di una stampante plotter che permette la riproduzione a rilievo.

    In questo caso gli interessati potranno prenotare rivolgendosi direttamente alla Sezione Didattica del Mart al numero 0464 454169, e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

    I gruppi dovranno essere formati da un minimo di sei a un massimo di dodici persone, alla tariffa di € 2,00 a persona.

    Servizi al pubblico

    Sala convegni: si trova accanto alla hall e dispone di 150 posti, di una cabina di regia e di impianti e sistemi multimediali all’avanguardia. Ospita convegni internazionali, conferenze stampa, proiezioni cinematografiche d’essai, performances teatrali, stages.

    Sito internet: elemento distintivo del sito del Mart è la possibilità di consultare tutto il patrimonio del museo, attraverso il CUM, Catalogo Unico del Mart: si tratta di uno strumento d’accesso al patrimonio archivistico del Museo. Sono disponibili on line 35.000 schede relative al patrimonio artistico, 7.000 schede di dipinti, sculture, disegni ed installazioni della collezione del museo, 30.000 libri della biblioteca.

    Audioguida: è disponibile a pagamento solo per i visitatori individuali e disponibile in italiano, inglese e tedesco.

    Sala Amici del museo: al primo piano il museo dispone di una sala per ospitare quelle persone che hanno sottoscritto la membership, “Amici del museo”.

    Bookshop: propone titoli e pubblicazioni specialistiche di critica ed estetica, cataloghi di mostre, libri di architettura, fotografia, danza, teatro e cinema, riviste nazionali ed internazionali, pubblicazioni del Mart. Ha un ingresso indipendente da quello del museo: vi si accede sia dalla piazza che dalla caffetteria.

    Caffetteria-Ristorante: dispone di 120 posti a sedere. Gli interni sono stati disegnati da Mario Botta. Il locale è a servizio dei visitatori del Mart e di tutta la città. L’orario di apertura coincide con quello del museo.

    Guardaroba: sul lato destro dell’ampia reception si trova il guardaroba per depositare gli oggetti personali e rendere la permanenza al museo più gradevole.

    Parcheggio: il Mart dispone di un parcheggio sotterraneo con oltre 300 posti auto, disposti su tre livelli, con ingresso indipendente. Si trova sul lato nord ed è collegato alla piazza centrale da una galleria di 30 metri.

    Call Center: fornisce informazioni sulle iniziative ed attività del museo e consente le prenotazioni delle visite guidate. Il numero verde gratuito è 800 397760. Il servizio, attivo dall’Italia, è disponibile anche in lingua inglese. Per l’estero è attivo +39 0376 281558.

    Orari e tariffe

    Fortunato Depero, Il corteo della gran bambola, 1920MartRovereto, Corso Bettini 43, 38068 Rovereto (TN)
    da martedì a domenica ore 10.00 - 18.00. Venerdì ore 10.00 - 21.00

    • Ingresso Soci DLF € 8,00
    • Biglietto Famiglia € 12

    MartTrento - Palazzo delle Albere, Via R. da Sanseverino 45, 38066 Trento
    da martedì a domenica ore 10.00 - 18.00. Lunedì chiuso

    • Ingresso Soci DLF € 3,00

    Casa d'Arte Futurista Depero e Caffè del Mago, Via Portici 38, 38068 Rovereto (TN)
    da martedì a domenica ore 10.00 - 18.00. Dall'1 giugno al 31 agosto ore 12.00 - 20.00. Lunedì chiuso

    • Ingresso Soci DLF € 5,00
    • Biglietto Famiglia € 8

    Biglietto Unico per le tre sedi:

    • Intero € 15,00
    • Ridotto € 11,00

    Visite guidate (solo su prenotazione) Gruppi DLF (minimo 15 - massimo 30 persone): visita guidata in lingua italiana alla collezione permanente/mostre temporanee/struttura architettonica MartRovereto e MartTrento € 60,00.

    La prenotazione della visita guidata va fatta tramite il Numero Verde 800 397760. Il pagamento va effettuato con bonifico bancario. La tariffa è relativa alla sola visita guidata e non include il costo del biglietto d’ingresso. Il diritto di prenotazione costa € 1,00 a persona sul biglietto d'ingresso e la visita guidata.

    Su richiesta il Mart potrà organizzare visite guidate e laboratori specifici per i Soci del DLF. Inoltre, potranno essere concordate serate o giornate a tema con una programmazione annuale.

    Fasce orarie

    Al fine di ottimizzare il flusso di visitatori ed evitare code all’ingresso, il Mart ha introdotto un sistema di accessi per fasce temporali. Ogni fascia indica l’intervallo di tempo nel quale il visitatore o il gruppo è atteso al Museo. Il sistema non comporta limiti di permanenza all’interno delle sale. Si invitano i visitatori alla puntualità. Eventuali ritardi potrebbero comportare un periodo di attesa. Le fasce di prenotazione sono fissate ogni 10’ dalle ore 10 fino ad mezz’ora prima della chiusura del Museo. Vengono ammessi due gruppi per ogni fascia.

    Servizi: Audioguida (solo per visitatori singoli) noleggio € 5,00, radiocuffie (in base alla disponibilità) noleggio € 1,00 ad apparecchio, guardaroba, bookshop e caffetteria all’interno.

    Percorsi tattili per ipovedenti e non vedenti (solo su prenotazione):

    • Gruppi (min 6 - max 12 persone) € 2,00 a persona

    Visite guidate per non udenti (solo su prenotazione):

    • Gruppi (min 8 - max 15 persone) € 2,00 a persona

    Laboratori

    Rivolgersi alla Sezione didattica: tel. 0464 454108, e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

    Prevendita e pagamenti

    E’ possibile acquistare on line i biglietti direttamente dal nostro sito (www.mart.trento.it), oppure rivolgendosi al nostro Numero verde 800 397760, raggiungibile solo in Italia, dalla telefonia fissa e mobile. Orari: lun/ven 9 - 19, sab 8.30 - 13. Per richieste dall’estero, telefonare allo +39 0376 281558. La prevendita comporta il pagamento di un diritto di prenotazione stabilito in € 1,00 a persona. Le transazioni effettuate con carta di credito saranno maggiorate dei diritti di gestione (4,20% sul costo complessivo dei biglietti acquistati comprensivi dei costi di prevendita).

    Il pagamento con carta di credito on line sul sito www.mart.trento.it è riservato ai visitatori individuali.

    Rivolgendosi al Numero Verde 800 397760 si può effettuare il pagamento con carta di credito per tutti (visitatori individuali, gruppi, visite guidate), mentre potrà essere effettuato attraverso bonifico bancario limitatamente ai gruppi e alle visite guidate.

    Consegna dei biglietti Il visitatore potrà ritirare il biglietto presso la biglietteria del Mart a Rovereto.

    Alternativamente si potrà ricevere al proprio domicilio i biglietti con una spesa che verrà addebitata all’atto della prevendita.

    Come raggiungerci

    In treno
    Linea per Bolzano/Brennero con fermata a Rovereto. Servizio taxi fuori dalla stazione. A piedi, dalla stazione, percorrere Corso Rosmini sino a Piazza Rosmini, imboccare a sinistra Corso Bettini. Dopo circa 200 m, sulla destra, si incontra la sede del nuovo Mart.

    In automobile
    A22: uscita Rovereto Nord. Usciti dall’autostrada seguire le indicazioni per il Mart.

    In aereo
    ABD Airport Bolzano Dolomiti (90 km da Rovereto); Aeroporto V. Catullo di Verona Villafranca (80 km da Rovereto); Aeroporto G. D’Annunzio, Montichiari (BS) (130 km da Rovereto); Aeroporto Linate (MI) e Malpensa (VA) (200 km da Rovereto circa); Aeroporto M. Polo di Venezia (180 km da Rovereto circa). Gli aeroporti sono collegati da navette con le più vicine stazioni ferroviarie.

    Parcheggi
    Corso Bettini (adiacente al Museo); Via Perosi (quartiere Brione 10-15 minuti a piedi); Via Magazol (presso lo Stadio Quercia 10-15 minuti a piedi); Via Bonporti (Camper Service, presso lo Stadio Quercia 15 minuti a piedi); Stadio Baratieri (5 minuti a piedi); Via Sabbioni (10 minuti a piedi); Via Manzoni (di cui uno custodito 10-15 minuti a piedi); Via Balista (15-20 minuti a piedi); Via Paoli (5 minuti a piedi); Viale dei Colli (custodito 5 minuti a piedi); Corso Rosmini (ex Stazione Autocorriere 5 minuti a piedi); zona Stazione treni (15 minuti a piedi); Piazza Achille Leoni (15 minuti a piedi); Via Santa Maria e Corso Verona (zona ospedale 20 minuti a piedi); Via Ronchi (25 minuti a piedi); Via Lungo Leno Sinistro (15 minuti a piedi); presso il Centro Natatorio Comunale; Piazza Suffragio (10 minuti a piedi); Piazza Damiano Chiesa (10 minuti a piedi); presso la Campana della Pace; presso l’Ossario Castel Dante.

    INFORMAZIONI

    MartRovereto
    Corso Bettini 43, 38068 Rovereto (TN)
    Tel. Museo +39 0464 438887
    Numero verde 800 397760
    e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    Internet www.mart.tn.it

    Galleria Civica di Trento
    Via Belenzani 44, 38122 Trento
    Tel. +39 0461 985511
    Fax +39 0461 277033
    Numero Verde 800 397760
    e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    Internet www.mart.trento.it

    ADAC - Archivio trentino Documentazione Artisti Contemporanei
    Gabriele Lorenzoni Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

    Casa d'Arte Futurista Fortunato Depero
    Via Portici 38, 38068 Rovereto (TN)
    Tel. 0464 431813
    Numero verde 800 397760

    Mart - Sezione didattica
    Tel. 0464 454108
    e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

    Infoline 800 397760 (numero verde)

     

     

    La Galleria Civica di Trento riprende la propria attività nella storica sede di Via Belenzani 46, a pochi passi dal cuore cittadino di piazza Duomo. Sede distaccata del Museo, avamposto nel capoluogo trentino, la Civica è stata ridisegnata su progetto architettonico realizzato in pochi mesi dal giovane Stefano Grigoletto/Studio Atelier Zero, vincitore del Bando pubblico destinato ai giovani architetti trentini voluto dal Mart, in collaborazione con l’Ordine degli Architetti della Provincia di Trento.
    La gestione della Galleria è stata affidata al Mart, Museo di arte contemporanea di Trento e Rovereto che in questo modo conferma ancora una volta il legame con un territorio vivace e dinamico nel quale si sta concretizzando un sistema museale integrato e all’avanguardia.

    Il nuovo progetto della Galleria Civica di Trento nasce per suggellare la collaborazione aperta con chi vive la città: residenti, turisti, persone che abitano gli spazi in modo transitorio o improvvisato - e che tuttavia già offrono e ricevono molto in termini di cultura e formazione - e con i gruppi oggi esclusi da relazioni sociali di qualità.
    Un progetto consapevole di quanto sia necessario gestire il cambiamento, che punta non solo sulle forze del Mart, ma su risorse e partnership consolidate del capoluogo trentino. Un laboratorio permanente formato da giovani talenti, da professionisti internazionali e da una comunità attiva, curiosa, attenta sia al patrimonio, sia agli investimenti.

    L’attività della Galleria verrà sviluppata su base stagionale e su temi specifici precedentemente individuati che spazieranno dalle istanze più contemporanee a progetti relativi all’800 o al 900, indagando i linguaggi dell’arte e dell’architettura. Inoltre la Civica diventerà sede dell’ADAC, l’Archivio degli artisti contemporanei trentini, il cui lavoro di ricerca sul territorio è propedeutico alla formazione, alla produzione, alla circuitazione degli artisti trentini, nonché di interesse per ricercatori, curatori, galleristi e operatori culturali.