Associazioni DLF

Grandezza Carattere

Il regio decreto legge n. 1908 del 25 ottobre 1925 sancisce la nascita del Dopolavoro Ferroviario: il primo e più importante dopolavoro per numero di aderenti e per la dimensione della sua organizzazione. A fronte di un lavoro duro e logorante, i ferrovieri hanno la possibilità di ritrovarsi e di vivere, insieme alle loro famiglie, esperienze nuove ed originali, fatte di incontri con persone diverse, di attività sportive e culturali e di prime forme di turismo organizzato.


Periodici locali
Strutture turistiche
Gruppi di attività
Compagnie teatrali


Al vigoroso ed immediato sviluppo del DLF contribuì soprattutto la capillarità della rete ferroviaria, la facilità e la rapidità di comunicazione sul territorio nazionale e, non ultimo, il grande spirito di corpo dei ferrovieri.

Una storia, quindi, che affonda le sue radici nel territorio: nel 1935, a dieci anni dalla sua nascita, il Dopolavoro Ferroviario conta già 273 sedi in tutta Italia e 135.000 soci che, con le loro quote, contribuiscono a sostenerne le molteplici attività.

Oggi, dopo 90 anni di vita, le 104 Associazioni del Dopolavoro Ferroviario, con le 170 sedi e oltre 100.000 soci, rappresentano una realtà che, per volume di attività, per servizi resi e per la dimensione organizzativa, si colloca al primo posto tra le strutture del tempo libero del mondo del lavoro nel nostro Paese.

La gamma vastissima di esperienze che i soci DLF possono compiere sono riconducibili ai cosiddetti “quattro settori” di attività praticate nel Dopolavoro Ferroviario: sport, turismo, cultura, servizi, individuati nel “logo” dai colori attribuiti ai quattro elementi che compongono il marchio.

Scopri le ASSOCIAZIONI e le STRUTTURE TURISTICHE del DLF: clicca qui!

mappa

 

DiventaSocio2017 260

BorsediStudio2016 260

Area Download